Blog

Voluptates XIV Edizione 24,25,26 Marzo 2017

Posted by on 5:04 in Blog | 0 comments

Voluptates XIV Edizione       24,25,26 Marzo 2017

L’Associazione Voluptates di Imola, in collaborazione con il Comune di Imola, I Musei Civici e l’Associazione Italiana Sommelier Romagna, presenta la quattordicesima edizione di “Voluptates – Magnifici Vini in degustazione”, che si terrà da venerdì 24 a domenica 26 marzo 2017 negli spazi del Museo Civico San Domenico di Imola.

VOLUPTATES 2014 1339LA FORMULA
E’ quella oramai collaudata del banco d’assaggio: i visitatori di Voluptates potranno scegliere tra circa 200 grandi vini italiani, francesi e di altre regioni vitivinicole europee. Celebri etichette internazionali e grandi nomi del Belpaese, affiancati da tante altre proposte di produttori forse meno noti al grande pubblico, ma ben in grado di reggere il confronto con i colleghi più blasonati.

Verticali di Chianti Classico, confronti tra diversi cru di Barolo, produzioni di vignaioli artigiani saranno protagonisti di degustazioni guidate, ospitate nella trecentesca Sala del Capitolo.

La soglia minima di accesso, fissata in 15 Euro, comprende bicchiere con tasca e un coupon che consentirà la degustazione a scelta da 1 a 5 vini, un assaggio di prodotti agroalimentari del territorio e la possibilità di apprezzare gli olii extravergine di oliva degli olivicoltori riuniti sotto il marchio Olimola. Sarà come sempre possibile aggiungere singole degustazioni supplementari a costi variabili tra 2 e 12 Euro.

 

IL SAN DOMENICO AI CHIOSTRI
Anche per questa edizione proseguirà la collaborazione con il Ristorante San Domenico di Imola, che si conferma una delle più alte espressioni gastronomiche italiane.
Valentino e Natale Marcattilii e Massimiliano Mascia condividono da sempre lo spirito divulgativo che contraddistingue Voluptates e, nella serata di venerdì 24 e domenica 26 marzo a pranzo, proporranno in esclusiva per Voluptates una selezione di tre dei piatti che hanno fatto e fanno tutt’ora la storia del San Domenico, su prenotazione e a condizioni straordinarie (45 euro, compreso carnet di degustazione vini).

 

Alcuni vini, disponibili in quantità limitate, saranno proposti in ognuna delle tre giornate; ciò potrebbe comportare che nel corso della degustazione risultino esauriti, ma nuovamente disponibili nelle giornate successive.

 

FINALITA’ BENEFICHE
Voluptates continua l’opera di sostegno delle attività del Comitato Sao Bernardo, Onlus imolese da anni attiva in Brasile e in Senegal: nello specifico parte del ricavato verrà destinato ai progetti in corso di realizzazione nella regione senegalese di Ziguinchor Casamance.
Inoltre, come già fatto in precedenti manifestazioni curate dall’Associazione Voluptates, verranno prese specifiche iniziative a sostegno delle zone colpite dai recenti sismi del centro Italia.

 

QUANDO E DOVE
L’appuntamento è al Museo Civico San Domenico, in via Sacchi 4 a Imola (BO), il 24, 25 e 26 marzo 2017. Venerdì 24 e sabato 25 marzo dalle 17 alle 22, domenica 26 marzo dalle 12 alle 19.

 

Scarica il Comunicato Stampa 2017

Scarica la Locandina 2017

Il San Domenico ai Chiostri

Posted by on 18:04 in Blog | 0 comments

Il San Domenico ai Chiostri

logoL’approdo di Voluptates al Quadriportico del Museo Civico San Domenico di Imola, avvenuto nel 2013, ha coinciso con l’avvio della collaborazione con il Ristorante San Domenico di Imola, vanto della gastronomia cittadina fin dal 1970 ed ancora oggi una delle più alte espressioni gastronomiche italiane.

Valentino e Natale Marcattilii e Massimiliano Mascia condividono da sempre lo spirito divulgativo che contraddistingue Voluptates ed hanno quindi voluto partecipare direttamente alla manifestazione, che giunge nel 2017 alla quattordicesima edizione, proponendo venerdì 24 marzo (ore 20) e domenica 26 (ore 12,30) una selezione di tre dei piatti che hanno fatto e fanno tutt’ora la storia del San Domenico.

Il gradimento espresso dagli appassionati visitatori delle scorse edizioni di Voluptates ha fatto sì che lo staff del San Domenico abbia subito accettato con entusiasmo la proposta di continuare ad affiancare Voluptates.

L’iniziativa “Il San Domenico ai Chiostri”, oltre ad aggiungere prestigio ed attraenza alla già ricca offerta di Voluptates, costituisce una ghiotta occasione, per godere, ad esempio, del celebre uovo in raviolo…

La quota di ingresso (€ 45) comprende la proposta gastronomica del San Domenico di venerdì 24 marzo (ore 20) o di domenica 26 marzo (ore 12,30) e carnet per la degustazione vini, per la quale è necessaria la prenotazione al 338.1082501 o a mezzo mail – con indicazione di recapito telefonico visto la disponibilità limitata) a info@voluptates.it

 Il San Domenico ai Chiostri

 VENERDI’ 24 MARZO ORE 20,00

FILETTO DI SALMONE SELVAGGIO AL VAPORE
IN SALSA CHAMPAGNE ALL’ERBA CIPOLLINA

*

TRANCIO DI ROMBO ARROSTITO
IN GUAZZETTO DI CUORI CARCIOFI ALLE ERBE

**

LA BARRETTA DI CIOCCOLATO
CON GELATO DI FAVA TONCA

***

 

DOMENICA 26 MARZO ORE 12,30

UOVO IN RAVIOLO “SAN DOMENICO”
CON PARMIGIANO DOLCE, BURRO NOCCIOLA E TARTUFO DI STAGIONE

*

CONTROFILETTO DI VITELLO COTTO A BASSA TEMPERATURA
CON CREMA DI SEMI DI GIRASOLE AL CARDAMOMO

**

LA MOUSSE AL MASCARPONE ALLE PERE
CON IL SUO SORBETTO

***

 

Scarica la Locandina 2017

Voluptates 2017 – I MAGNIFICI VINI IN DEGUSTAZIONE

Posted by on 15:31 in Blog | 0 comments

Voluptates 2017 – I MAGNIFICI VINI IN DEGUSTAZIONE

La XIV Edizione di Voluptates – Magnifici Vini in degustazione sta prendendo forma.

Definite le “Degustazioni del Capitolo” http://www.voluptates.it/degustazioni-del-capitolo e i menu de “Il San Domenico ai Chiostri” http://www.voluptates.it/blog/il-san-domenico-ai-chiostri.html  (solo su prenotazione, venerdì 24 marzo alle 20 e domenica 26 marzo alle 12,30) ecco l’elenco dei vini (provvisorio) in degustazione e le info utili

VOLUPTATES 2017

L’ingresso a Voluptates parte da € 15 (degustazione fino a 5 vini, assaggio di prodotti agroalimentari e di olii EVO). “Il San Domenico ai Chiostri” € 45 (ingresso a Voluptates compreso, con degustazione fino a 6 vini).

VINOAZIENDA
Chardonnay Cuvée Bois 2014Les Crêtes
Gavi dei Gavi Etichetta Nera 2015La Scolca
Timorasso Il Montino 2013La Colombera
Timorasso Derthona 2015Claudio Mariotto
Monferrato Bianco I Fossaretti 2010Bertelli
Riviera Ligure di Ponente Pigato Albium 2015Poggio dei Gorleri
Fontanasanta Nosiola 2015Foradori
Gewürztraminer Kleinstein 2015Cantina Bolzano
Gewürztraminer Riserva Brenntal 2014Cortaccia
XY Pinot Bianco 2013Dornach
Sauvignon Sanct Valentin 2015San Michele Appiano
Nova Domus 2009Cantina Terlano
Terlaner Classico 2016Cantina Terlano
Chardonnay Kreuth 2015Cantina Terlano
Stoan Cuvée 2014Cantina Tramin
Breg 2008Gravner
Lis 2014Lis Neris
Oslavje 2009Radikon
Collio Malvasia Istriana 2016Ronco dei Tassi
Erba Alta 2015Marco Sara
Vino degli Orti 2007Tercic
Soave Classico Monte Alto 2015Ca' Rugate
Studio 2012Ca' Rugate
Lugana MolceoOttella
Solata 2013Cardinali
Gioja 2015Giovannini
Vitalba 2015Tre Monti
Arnèto 2015Tenuta Bellafonte
Verdicchio Castelli di Jesi Cuprese 2015Colonnara
Verdicchio Castelli di Jesi Ris. Salmariano 2012Marotti Campi
Verdicchio Castelli di Jesi Classico Sup. Marika 2015Socci
Verdicchio Castelli di Jesi Classico Sup. Deserto 2016Socci
Verdicchio Castelli di Jesi Il Priore 2015Sparapani
Verdicchio Castelli di Jesi Casal di Serra V.V. 2015Umani Ronchi
Verdicchio Castelli di Jesi Classico Sup. L'Insolito 2015Vicari
Fiano di Avellino Particella 928 2014Cantina del Barone
Greco di Tufo Vigna Cicogna 2015Benito Ferrara
Fiano di Avellino 2010Rocca del Principe
Fiano di Avellino Cru Tognano 2014Rocca del Principe
Costa d'Amalfi Bianco Per Eva 2013Tenuta San Francesco
Lighea 2015Donnafugata
Terre Bianche Cuvée 161 2015Sella e Mosca
Gattinara San Francesco 2011Antoniolo
Barbera d'Alba Gabutti 2012Cappellano
Barbera d'Alba 2013Scarzello
Barolo Gattera 2012Bovio
Barolo Riva Rocca 2012Alario
Barolo Cannubi 2012Damilano
Barolo 2012Bartolo Mascarello
Barolo Parussi 2012Massolino
Barolo Cannubi 2010Paolo Scavino
Barbaresco Bernardot 2013Ceretto
Barbaresco Rabajà 2013Giuseppe Cortese
Langhe Darmagi 2010Gaja
Rossese Dolceacqua Galeae Angè 2014Ka Manciné
Rossese Dolceacqua Posaù 2014Maccario Dringenberg
Valtellina Sassella Ris. Rocce Rosse 2007AR.PE.PE
Barbacarlo 2011Lino Maga
San Valentino 2014Togni Rebaioli
Teroldego Rotaliano Dannato 2010Redondel
Amarone della Valpolicella Classico 2010Monte dei Ragni
Amarone della Valpolicella Classico Rosson 2010Terre di Pietra
Valpolicella 2015Tommasi
Valpolicella Ripasso 2014Tommasi
Amarone della Valpolicella Classico 2012Tommasi
Lambrusco Radice 2015Paltrinieri
Colli Romagna Centrale Cabernet Sauv. Damianus 2013Tenuta Casali
Ixe 2012Beconcini
Opera in Nero 2011Podere La Chiesa
Camartina 2010Querciabella
VenerosoTenuta di Ghizzano
Sassicaia 2013Tenuta San Guido
Kurni 2013Oasi degli Angeli
Lacrima di Morro d'Alba Superiore 2015Mancinelli
Lacrima di Morro d'Alba La Lacrima del Pozzo Buono 2015Vicari
Conero Riserva Cùmaro 2013Umani Ronchi
Pelago 2013Umani Ronchi
Sagrantino di Montefalco 25 Anni 2012Caprai
Sagrantino di Montefalco Collenottolo 2011Tenuta Bellafonte
Taurasi Macchia dei Goti 2012Caggiano
Terre di Lavoro 2013Galardi
Montevetrano 2014Montevetrano
È Iss 2013Tenuta San Francesco
Aglianico del Vulture Camerlengo 2008Camerlengo
Tancredi 2011Donnafugata
Duca Enrico 2011Duca di Salaparuta
Il vino dei Vigneri 2009 Salvo Foti
Etna Rosso Feudo di Mezzo 2014Russo
Pithos Rosso 2015Cos
Cannonau di Sardegna Mamuthone 2014Sedilesu
Carignano del Sulcis Is Arenas 2011 Sardus Pater
Tenores 2012Dettori
Cannonau di Sardegna Barrosu 2015Montisci
Marchese di Villamarina 2011Sella e Mosca
Erbaluce di Caluso PassitoIlaria Salvetti
Cristina Vendemmia Tardiva 2012Roeno
Verduzzo Friulano Cràtis 2013 Scubla
Montepascolo 2012Cardinali
Maximo 2014Umani Ronchi
Passito di Pantelleria Ben Ryé 2014Donnafugata
Picolit 2014Marco Sara
Lacrima di Morro d'Alba Passito Re Sole 2012Mancinelli
Lacrima di Morro d'Alba Passito Amaranto del Pozzo Buono 2015Vicari
Marsala Superiore Riserva Donna FrancaFlorio
Marcalberto Senza SolforosaMarcalberto
Erbaluce di Caluso Metodo Classico DOCG 2014Ilaria Salvetti
Franciacorta Brut DuilioBrutell
Franciacorta Brut CruPerdu 2012Castello Bonomi
OP Cuvée Storica 1870 Pinot Nero 2012Giorgi
Ceppo 326 Extra BrutPasini San Giovanni
Valdobbiadene Prosecco Frizzante …Naturalmente Casa Coste Piane
Alto Adige Extra Brut Cuvée MariannaArunda
Trentodoc Brut Riserva Methius 2011 Dorigati
Trentodoc Giulio Ferrari Riserva del Fondatore 2005Ferrari/F.lli Lunelli
Trentodoc Brut Riserva 2009Letrari
Trentodoc Brut SAMaso Martis
Trentodoc Dosaggiozero Riserva 2011Maso Martis
Trentodoc extra Brut Rosé Riserva 2012Maso Martis
Verdicchio Castelli di Jesi Spumante L. Ghislieri Colonnara
Extra Brut Blanc de Blancs Minéral 2010Agrapart
Brut Cuvée Aubry de Humbert 2007Aubry
Brut Réserve PropriétaireBérèche et Fils
La Grande Année Rosé 2005Bollinger
Brut Nature Dosage Zerò Sans SoufreDrappier
Cuvée William Deutz 2006Deutz
Fleur de Champagne 1er CruDuval Leroy
Cuvée 735 Degorgement Tardif Extra BrutJacquesson
Rosé de Saignée 1er Cru Extra Brut Larmandier-Bernier
Dom Pérignon 2006Moët et Chandon
Cristal 2009Roederer
Riesling Clos Windsbuhl 2011Zind-Humbrecht
Chablis 1er Cru Vosgros 2014Gilbert Picq
Puligny Montrachet 1er Cru Clos de la Pucelle 2014Jean Chartron
Meursault Les Tillets 2014 Patrick Javillier
Corton Charlemagne Grand Cru 2011Bonneau du Martray
Morey-Saint-Denis 1er Cru Clos Baulet 2014Hubert Lignier
Clos de la Roche Grand Cru 2012Gerard Raphet
Vosne Romanée Les Champs Perdrix Vieilles Vignes 2011Christophe Perrot-Minot
Saint-Émilion Grand Cru 2010Château Canon-La-Gaffelière
Saint-Julien 2ême Grand Cru Classé 2012Château Léoville-Barton
Sauternes 2007Château Doisy Daene
Sancerre La Grande Côte 2014Pascal Cotat
Châteauneuf-du-Pape 2012Vieux Télégraphe
Chateau-Chalon 2008Domaine Tissot
Clos de Cistes 2006 Peyre Rose
Ribera del Duero Propiedad 2011 Bodegas Palacios Remondo
Viña Ardanza Rioja Reserva 2007La Rioja Alta
Pintia 2011Bodegas Pintia-Vega Sicilia
Unico Gran Reserva 2008Vega Sicilia
Duero Flor de Pingus 2014Dominio de Pingus
Riesling Kamptal Privat Reserve 2013Peter Dolle
Riesling Eiswein Schneiderberg 2011Weinrieder
Grüner Veltliner Smaragd Ried Weitenberg 2013Mazza
Riesling Smaragd Hochrain 2012Rudi Pichler
Riesling Kiedrich Klosterberg Erste 2015Robert Weil
Scharzhofberger Riesling GG 2015Reichsgraf von Kesselstatt
Hofberg Riesling Grösses Gewachs 2010Grans Fassian
Laurentiuslay Riesling Spätlese 2007St. Hurbans-Hof
Chianti Classico Riserva 2013Casalvento
Chianti Classico Riserva Il Poggio 2011Castello di Monsanto
Fontalloro 2011Felsina
Cepparello 2013Isole e Olena
Brunello di Montalcino 2012La Cerbaiola
Rosso di Montalcino 2014Le Potazzine
Brunello di Montalcino 2012 Le Potazzine
Chianti Classico Riserva 2011Tenuta di Lilliano
Morellino di Scansano 2014Moris Farms
Brunello di Montalcino 2011Piancornello
Nobile di Montepulciano Asinone 2013Poliziano
Nobile di Montepulciano Salco 2011Salcheto
Chianti Rufina Riserva Bucerchiale 2011Selvapiana
Rosso di Montalcino 2014Tiezzi
Brunello di Montalcino Poggio Cerrino 2012Tiezzi
Brunello di Montalcino Vigna Soccorso 2012Tiezzi
Predappio Sangiovese Riserva 2013 Condè
Sangiovese di Romagna Superiore Limbecca 2014Francesconi
Romagna Sangiovese Predappio Ris. Vigna del Generale 2013Nicolucci
Romagna Sangiovese Oriolo 2013I Sabbioni
Romagna Sangiovese Riserva Oriolo Thea 2013Tre Monti
Romagna Sangiovese Riserva I Probi di Papiano 2012Villa Papiano

 

Scarica la Locandina 2017

Il Museo San Domenico, la “casa” di Voluptates

Posted by on 10:06 in Blog | 0 comments

Il Museo San Domenico, la “casa” di Voluptates

MUSEO DI SAN DOMENICO
Collezioni d’arte della città
Museo Giuseppe Scarabelli

L’ex convento di San Domenico, sede dell’ordine domenicano, ora museo, è uno degli edifici più significativi del centro storico di Imola.
Ospita al suo interno due percorsi espositivi:

  • Collezioni d’arte della città, che espone oltre 600 pezzi tra dipinti, sculture, arredi sacri, ceramiche, disegni e installazioni;
  • Museo Giuseppe Scarabelli, con le sezioni di Geologia, Archeologia e Scienze naturali.

AFM005546

L’ingresso a Voluptates 2015 consente la visita del Museo nei seguenti orari:
sabato 11 aprile dalle 15 alle 21;
domenica 12 aprile dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19.

www.museiciviciimola.it

Skerk – Prepotto, Carso

Posted by on 20:36 in Blog | 0 comments

Skerk – Prepotto, Carso

Terra di confine se ce n’è una, il Carso. Abbraccia Trieste da nord: ci si inoltra per piccoli paesi col doppio nome, lungo piccole stradine, delimitate da piccoli muretti a secco. E’ un altopiano roccioso di origine calcarea, che va più o meno dalle Alpi Giulie al Mar Adriatico.

Una terra impervia e selvaggia, caratterizzata dalla permeabilità delle sue rocce: la pioggia le ha scavate e trapassate, dando vita a grotte, fiumi carsici e doline (valli che sarebbero laghi se l’acqua non filtrasse). La bora ha fatto il resto, soffiando via la tipica terra rossa dalla roccia e rendendo l’agricoltura ancora più faticosa.

Ma di agricoltura questa terra povera è sempre vissuta. Ai tempi dell’impero Austro-Ungarico qui si coltivavano frutta e verdura per il mercato di Trieste e fiori per quello di Vienna. Storicamente erano gli sloveni a occuparsi dei campi, così come hanno origine slovena, oggi, i produttori di vino carsolini di qua e di là dal confine, che hanno concentrato la maggior parte dei loro sforzi su alcune varietà tradizionali, quali vitovska, malvasia istriana e terrano, in alcuni casi affiancati da vitigni internazionali, sauvignon, pinot grigio e merlot soprattutto.

A Prepotto, frazione alle spalle di Aurisina, c’è l’imbarazzo della scelta su dove fermarsi, visto la concentrazione di vignaioli di spessore: Zidarich, Kante, Skerk, Lupinc, coltivano qui le loro vigne e producono vini che vantano personalità spiccata, scolpita nella roccia, proprio perché nascono in un areale così particolare e vocato, con la montagna a conferire acidità, il mare sapidità, la pietra mineralità e con la bora a fare il resto.
Incontriamo Boris Skerk, la cui azienda conta su 7 ettari vitati da cui ottenere un po’ più di 20.000 bottiglie l’anno.
A fine 2014 assaggiamo – meglio, beviamo – Vitovska 2012, Malvasia 2012, Ograde 2011 (da vitovska, malvasia, sauvignon e pinot grigio) e Terrano 2012. Sì, beviamo più che assaggiare, grazie al tratto comune all’intera produzione, la grande bevibilità di vini ottenuti con macerazioni prolungate che si spingono fino a gennaio anche per i bianchi. Fermentazioni spontanee e affinamento in legni usati di diverse dimensioni, all’interno della cantina sotterranea “autocondizionata” dall’acqua che scorre sulle pareti e nel sottosuolo, raffrescando d’estate e temperando nella stagione fredda.
Senza filtrazioni, Vitovska e Malvasia si presentano entrambe con una bella veste dorata, appena opaca nella Vitovska.
Annusare e degustare qui la Vitovska 2012 sintetizza appieno l’ambiente che ti circonda. Ha note di the e agrumate, di albicocca e iodio, magari è un po’ scontroso al primo sorso, che pare quasi tannico, ma che rivela poi un vino di buona complessità e di sostanza, coerente e che lascia un lungo ricordo ammandorlato.
La Malvasia 2012 appaga pienamente la vista e dispiega le sue caratteristiche aromatiche senza timidezza alcuna, spaziando dalla macchia mediterranea all’albicocca a richiami di pasticceria, agevolmente rintracciabili all’assaggio, con freschezza e sapidità accentuate. Finale lungo lungo, il livello nella bottiglia cala velocemente…
Ograde 2011 è l’unico vino non monovitigno di casa Skerk. Ograde indica una piccola particella di terra recintata con i tipici muretti di pietra calcarea per impedire l’ingresso agli animali ed è anche il toponimo della particella dove oggi sorge la cantina.
Che si tratti di un vino di grandi peculiarità lo comprendi subito dal colore, vagamente rosato. Quando si approccia il bicchiere si hanno due possibilità: correre all’assaggio o raccogliere il guanto di sfida.
Se si decide per la tenzone rosa e fiori secchi, fragoline di bosco e albicocca, macchia mediterranea, note salmastre e chissà cos’altro ancora anticipano un sorso di grande struttura eppure fin facile, coerente con i riconoscimenti olfattivi e sostenuta da evidente sapidità. Super!!

Ograde 2011 sarà in degustazione sui banchi di Voluptates 2015.

U-Tabarka!!

Posted by on 16:27 in Blog | 0 comments

U-Tabarka!!

Può capitare che quando stai per lasciare il tavolo al quale hai pranzato un po’ velocemente, pressato dagli impegni della giornata lavorativa, giunga inatteso un amico che porta con sè la possibilità di assaggiare insieme i vini di un produttore inconsueto che, sull’isola di San Pietro, di fronte alla costa del Sulcis-Iglesiente, coltiva vitigni tradizionali di questa parte della Sardegna su terreni sabbiosi di origine vulcanica.
L’azienda è(Tanca Gioia) ed è situata a Carloforte, enclave ligure fin dal ‘700. In etichetta si richiama la località tunisina di Tabarka, dalla quale un gruppo di pescatori genovesi fu costretto a partire trovando rifugio proprio a San Pietro.
I vini che assaggiamo, ben differenti tra loro, hanno in comune il richiamo alla macchia mediterranea e un tratto di evidente sapidità.
Giancu 2013 è un Vermentino pressoché in purezza, di colore quasi dorato, notevole struttura comunque non invadente, fresco e sapido con note erbacee, di mela matura e ginestra. Netto.
Perdigiornou 2013 invece è un blend a maggioranza Vermentino con Nasco Aromatico e Moscato di Calasetta in parti uguali. Ha profumi decisamente intensi, note agrumate e di albicocca, struttura importante e alcolicità più che percettibile, peraltro compensate con successo da notevole freschezza e da un soffio salmastro, con finale di sorso amarognolo, anche prolungato. Profumato.
Roussou 2011 è invece un Carignano del Sulcis, da uve Carignano in purezza. Le basse rese per ettaro si riflettono nitidamente nella struttura del vino, che è dotato di profumi intensi e variegati, che ricordano la prugna e la mora in confettura, il mirto e le spezie dolci, con l’ormai consueto tocco salmastro che tenta di equilibrare il tutto, riuscendovi solo in parte. Per alcuni potrebbe risultare un po’ scomposto, ma chissà se è davvero un difetto…
I vini di Tanca Gioia saranno presenti sui banchi d’assaggio di Voluptates 2015, dal 10 al 12 aprile presso il Museo San Domenico di Imola.